UVX

L’enigma dei teschi di cristallo

enigma dei teschi di cristallo

Novembre 1923, Sud America. Una bambina di 10 anni, Anna Mitchell-Hedges, trova per caso un oggetto di cristallo. All’inizio sembra un normale reperto archeologico. Pian piano, però, si capisce che, in realtà, si tratta dl un manufatto speciale, che fa parte di una serie di oggetti particolari: sono i “teschi di cristallo”, chiamati anche “del destino”.

Teschi di cristallo: cosa sono e quanti sono?

Ben presto si scopre che questi teschi sarebbero addirittura 13, separati molti anni fa e in attesa di essere riportati, lutti assieme. nello stesso luogo. Una volta che si dovesse verificare, questa condizione svelerebbe all’uomo una formula per ”salvarsi”. Da casa non è dato saperlo. Quel che è certo, è che da quel momento comincia una caccia planetaria al teschi mancanti: la caccia ai misteriosi “teschi di cristallo”. Un enigma che si perde nella notte dei tempi, riportato alla ribalta dal più famoso archeologo di Hollywood, Indiana Jones, in un film del 2008.

Finzione cinematografica a parte, i teschi di cristallo esistono davvero e sono numerosi, tanto da essere sparsi un po’ in tutto il mondo. Il più famoso è il già citato Mitchell-Hedges, che prende il nome dalla bambina che l’ha scoperto. Al British Museum ce n’è un altro della fine del 1800. La teca che lo contiene viene coperta ogni sera con un panno. È una richiesta degli addetti alle pulizie che – in qualche modo – si sentono a disagio nelle ore in cui il museo è chiuso al pubblico: hanno più volte detto di avere udito rumori, visto strane luci e di sentirsi osservati.

I teschi di cristallo nel mondo

Un teschio di cristallo è nel Museo di qual Branly di Parigi. Di fattura rudimentale, è stato scoperto in Messico a fine Ottocento. C’è, poi, il cosiddetto teschio Max, che ora si trova in Texas ma apparteneva a un guaritore tibetano che l’ha regalato ai suoi attuali possessori. Scoperto nel 1920 in una tomba del Guatemala, secondo alcuni studiosi risalirebbe all’8000 avanti Cristo. Il teschio Quarzo Rosa è stato, invece, trovato al confine tra l’Honduras e il Guatemala e ha la mandibola mobile. Ce ne sono molti altri in giro per il mondo. Stabilire il numero esatto è pressoché impossibile.

Anche se, secondo un’antica leggenda, quelli autentici sarebbero solo 13. come distinguerli dalle copie o dagli altri reperti simili che si trovano in giro per il mondo?Uno dei più famosi è stato scoperto in Messico dal detective Nick Nocerino. Alcune persone che stavano effettuando scavi lungo un fiume gli hanno domandato di svolgere indagini psicometriche per cercare di localizzare qualche antico manufatto. E anche da quella ricerca è emerso un teschio di cristallo-